The Terminal

theterminal

Ogni tanto qualcosa di assurdo accade per davvero.

Steven Spielberg ha pensato bene di raccontarcelo. Ispirandosi ad una storia vera, nel 2004 decide di girare The Terminal; qui narra le vicende di Viktor Navorski, un giovane abitante della fantasiosa Krakozhia che, una volta atterrato a New York, si ritrova costretto a vivere nel terminal dell’aeroporto a casua della guerra civile scoppiata nel suo paese che ha annullato ogni validità del suo passaporto.

In nove mesi di reclusione forzata, Viktor, interpretato da Tom Hanks, grazie alla sua intraprendenza e voglia di fare, si farà amici e nemici di ogni genere, si saprà rendere utile e si adeguerà alla situazione paradossale, senza mai perdere la calma. Lui, infatti aspetta: e non gli interessa quanto tempo ci vorrà. Viktor sa prendere la vita con filosofia e con pazienza saprà attendere il giorno del suo “rilascio”.

È proprio qui il tema di questa commedia: ogni personaggio qui narrato aspetta qualcosa; qualcuno la promozione, altri il coraggio per dichiararsi; c’è chi aspetta l’amore della vita e chi ancora attende l’esaudirsi di una promessa.

Steven Spielberg ci diverte e ci commuove grazie anche all’ottimo cast presente, (Catherine Zeta-Jones e Stanley Tucci ) raccontando questo giro di vite, sogni e speranze che si incontrano e scontrano, tutti raccolti nel terminal. E, ricordandoci le piccole e grandi aspirazioni che ogni giorni ci assillano, riesce a farci immedesimare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.