Il buon soldato Sc’vèik

ilbuonsoldato

Jaroslav Hasek, morto prematuramente a 40 anni nel 1923, non riuscì a scrivere la parte finale di questo lungo racconto del viaggio di Sc’vèik verso il fronte. La prima guerra mondiale fa da cornice al romanzo, pubblicato in quattro volumi; l’autore non riuscì quindi a godersi la fama e il successo del buon soldato Sc’vèik, morendo in miseria.

Contro l’assurdità e la violenza della guerra il buon soldato, con la sua ingenuità e la sua semplicità, diventa il simbolo di tutti quegli uomini caduti sul campo di battaglia per stupidi e inutili ideali. Durante il suo lungo viaggio, un lungo vagabondare in realtà, egli incontra ufficiali, uomini del clero, soldati ungheresi e austriaci, slavi e russi, ubriaconi, burocrati scorbutici, astuti mercanti e tante altre persone con le quali intreccia lunghe dissertazioni filosofiche al limite delle follia. Tra una partita di carte e l’altra, davanti a un bicchiere, durante un viaggio in treno, Sc’vèik racconta decine e decine di aneddoti dai quali ricava sempre una morale, probabilmente episodi di vita dello stesso autore. Il suo umore non si abbatte mai, nemmeno di fronte a condanne a morte nei suoi confronti o a ordini di recarsi in prima linea a combattere. Patentato come un ‘ idiota notorio’, egli risponde a minacce e percosse con un sorriso innocente, senza secondi fini, ma per pura semplicità d’animo. Sicuramente rappresenta una forte critica alle istituzioni, all’esercito, alla monarchia, alla burocrazia e alla Chiesa, in nome della pace e della libertà di pensiero, senza giudicare quello che gli accade, ma accettando tutto con bonarietà.

L’opera di Hasek si pone nella letteratura antimilitaristica propria degli anni a cavallo tra le Guerre Mondiali che hanno sconvolto l’Europa nel XX secolo. Con la scomparsa dell’autore il libro ottiene un successo enorme, raggiungendo anche il Giappone e la Cina, diventando così un simbolo mondiale di pace, valido ancora oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.