Lucky man – Anche gli attori scrivono libri

luckyman

Quando vediamo un film, una serie, quando leggiamo notizie o gossip che riguardano i vip, inevitabilmente pensiamo che il mondo dello spettacolo sia un mondo a sé. Ci fanno credere che oltre ai numerosi divorzi tra star, agli insuccessi cinematografici e ai problemi con alcol e droghe, la loro vita sia tutta un agio. Gli attori così belli in passerella agli Oscar, a Cannes, agli Emmy, brillano di luce propria e noi li invidiamo un po’. Ignoriamo la realtà dei fatti perché così funziona il tacito accordo tra pubblico e stelle del cinema o della tv.

Quando però si infrange quella barriera di lustrini e griffes e i problemi veri investono queste persone note ma sconosciute cosa succede? È questo il presupposto da cui parte il libro autobiografico dell’amatissimo Michael J. Fox, conosciuto per Ritorno al futuro e per altri ruoli in commedie di medio successo. Immerso nei piaceri dell’ambiente cinematografico e alle soglie dell’alcolismo, ignorava la cattiva sorte fin quando gli è stato possibile.

Uno dei tanti privilegi di una persona famosa è poter condividere, nel bene e nel male, le proprie esperienze con il pubblico. Michael J. Fox ha deciso di sfruttare questa opportunità per raccontare il proprio percorso fisico e mentale una volta scoperta la malattia che affligge lui, come una grande parte della popolazione mondiale. Il Parkinson lo ha colto proprio nel bel mezzo della sua carriera e della sua giovinezza, ostacolando qualsiasi esperienza che avesse intenzione di fare o qualsiasi progetto lavorativo. In una divertente e commovente epopea che ripercorre le tappe salienti della sua vita a partire dall’infanzia, l’attore affascina chiunque voglia cimentarsi in una lettura non convenzionale, rivelandosi umile e umano. Riesce a infrangere quel tacito accordo di distanza con la gente comune, perché in fondo nessun essere umano è più speciale di altri. Il libro è uscito nel 2003 in Italia presso Tea, offrendo a noi lettori una possibilità di svago tramite una lettura abbastanza leggera ma che tocca temi psicologici non indifferenti. Una chicca per i suoi fan, che sperano sia tutto frutto della sua creatività; una bella scoperta per tutti gli altri.

One thought on “Lucky man – Anche gli attori scrivono libri

  1. Nonostante inizialmente fossi scettico, la lettura di questo libro si è rivelata piacevole ed emozionante. Bravo Michael!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.