Guerra e pace

guerra_pace_recensione

Il grande romanzo storico Guerra e pace di Lev Tolstoj è un capolavoro, in grado di raccontare l’umanità all’interno della storia. Scritto tra il 1865 e il 1869, il romanzo racconta, sostanzialmente, le vicende di due famiglie russe, i Bolkonskij e i Rostov, durante l’invasione napoleonica.

Il gran numero di personaggi rende Guerra e pace un ritratto storico unico nella storia della letteratura, perché Tolstoj è stato in grado di plasmare figure profonde e piene di sentimento. La dualità, che si legge a partire dal titolo, si ritrova nei due grandi vertici: Napoleone Bonaparte e il generale Michail Illarionovič Kutuzov. Due visioni differenti sul mondo, due mentalità strategiche che ritroviamo poi, per i diversi caratteri e sentimenti, nei singoli personaggi.

Raccontare Guerra e pace è difficile, non tanto per la sua particolare lunghezza, quanto perché l’unico modo per capirlo e viverlo è immergersi nella lettura. Alcuni passaggi, soprattutto quello su che cosa sia veramente una guerra, sarebbero da far leggere nelle scuole.

La storia ci insegna che Napoleone subì una sconfitta tremenda e portò alla morte moltissimi soldati della Grande Armata. La Russia, pur respingendo l’avanzata dell’Imperatore, ebbe perdite altissime e abbandonò per un lungo periodo Mosca in mano ai francesi.

La BBC ha sfidato le molte pagine del romanzo e ha deciso di produrre un adattamento televisivo, filmando 8 puntate da 1 ora ciascuna. Sotto la regia di Tom Harper e la sceneggiatura di Andrew Davies si muove un cast stellare: Paul Dano (Pierre), Lily James (Nataša), James Norton (il principe Andrej) e tanti altri nomi come Gillian Andreson e Stephen Rea…

L’effetto è quello di trovarsi di fronte a tanti quadri: fin dalle prime scene, infatti, assistiamo a maestose rappresentazioni con tanti personaggi. Tali scene si ripetono, fino ad arrivare a quelle più complesse sulla guerra, che arriva già nella prima puntata. In Inghilterra la serie ha avuto un successo clamoroso, al punto che il romanzo è salito nella classifica dei 50 libri più venduti: un ottimo segnale. Il potere suggestivo espresso deriva proprio dalla scelta di mostrare ampie visuali, con un continuo passaggio tra i protagonisti (nei primi 10 minuti veniamo a conoscenza di almeno una quindicina di personaggi).

Difficilmente carpiremo nel profondo gli stati d’animo di Pierre o di Andrej: al contrario, spesso sembra che i protagonisti siano guidati velocemente e istintivamente dagli eventi (Andrej vuole andare in guerra e lo troviamo in campo di battaglia poco dopo, avendo lasciato la moglie incinta a casa). Impresa impossibile quella di portare in tv la scrittura magistrale di Tolstoj, che con la sua penna affina i caratteri, i sentimenti e i pensieri di tutti. Resta comunque il merito di aver osato ed essere riusciti a suscitare l’interesse in un capolavoro della letteratura che deve essere letto.

La serie andrà in onda il venerdì alle 21.10 a partire da questa sera sul canale LaEffe (sky, canale 139).

Giudizio dell'autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *