The show must go off

TheShowMustGoOff1

Dopo i vari tira e molla, contratti non rispettati, scontri con i vertici Rai, Serena Dandini approda su La7 e inaugura il suo nuovo programma: The show must go off.

Dietro la presentatrice un buon numero di fedeli compagni: Elio e le Storie Tese, Vergassola, Lillo e Greg… Il programma si mescola così di interviste ad ospiti eccezionali, di gag e di canzoni ironiche della grandissima band di Elio – composta da veri e propri professionisti.

La Dandini è molto brava: sa come si tiene il palcoscenico e, soprattutto, come si fa la televsione; e lo ha dimostrato con il passare del tempo e con i suoi programmi: fra tutti spiccano L’ottavo nano e Parla con me. Questo nuovo apparato sembra proprio uno scontro tra i due programmi citati, con un risultato nel complesso positivo, ma che ha alcune pecche.

Prima fra tutte la lunghezza. Si rischia di perdere facilmente il filo – se mai ce ne fosse uno – e a perderci sono soprattutto i protagonisti delle gag. E non tutti gli sketch sono riusciti e non strappano un sorriso; qui si rientra nel gusto e nello spirito individuale, ma certe scenette sono scadenti e, francamente, hanno poco da dire. Le canzoni ironiche di Elio son sempre una buona partita su cui scommettere, così come sui loro travestimenti e battute.

Le interviste sono, come sempre, molto interessanti e gli ospiti tengono bene il programma, dando prova di simpatia e disponibilità, elementi presenti in tutto l’ambiente circostante. Giusto per fare dei nomi, nella prima puntata sono stati invitati Andrea Camilleri e Tiziano Ferro.

Per il resto The show must go off (La7, sabato sera, ore 21.30) è un programma che funziona, se non fosse per la messa in onda (non è in diretta) nel sabato sera, momento in cui il pubblico giovanile esce di casa e non guarda la televisione. Sicuramente è tra i migliori prodotti del week end, per un pubblico non più costretto a subire programmazioni scandalose di Rai e Mediaset.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.