The Equalizer come Mamma ho perso l’aereo

The Equalizer - Una poltrona per tre

Non si fa arrabbiare Denzel. Non è consigliabile. Può essere fatale.

Le tre frasi precedenti potrebbero costituire senza problemi il riassunto del film appena uscito al cinema, The Equalizer, dove Denzel Washington recita la parte dell’ex agente della Cia Robert McCall che, ritiratosi a una vita anonima e tranquilla in seguito a chissà quale drammatica esperienza che ha comportato la morte della sua amatissima moglie, non sopporta le ingiustizie. Ma proprio non le tollera, lo fanno letteralmente impazzire. E se a Robert-Denzel una cosa non va giù, sono guai per chi gli è nemico. Non importa se il nemico in questione sia tutta la malavita russa, dai vertici ai più infimi scagnozzi ipertatuati, chiunque tu sia e ovunque tu viva, lui ti troverà e ti farà a pezzettini.

E non credete che nel nuovo film vi risparmino la violenza. Il regista Antoine Fuqua ha deciso di mostrare al pubblico, con dovizia di particolari, ogni azione del buon Denzel, che in pochi secondi sa sbaragliare 10 cattivoni russi con un cavatappi e qualche arma raccattata durante la lotta. E il buon Denzel è talmente preciso e meticoloso, talmente tranquillo e ligio al dovere, che si cronometra sempre durante i combattimenti, non sia mai che sgarri di un secondo. insomma, una vera arma da guerra.

Innumerevoli le camminate al rallentatore con sfondo catastrofico, incalcolabili i litri di sangue versato. Mi sento in dovere di fare un parallelismo colto, poiché (non chiedetevi perché mi sia venuto in mente) guardando The Equalizer non ho potuto fare a meno di ricordare il piccolo Kevin McCallister di Mamma ho perso l’aereo che, come Denzel, con qualche trucchetto, una sparachiodi e altri attrezzi ameni riesce a sconfiggere i nemici più tosti. Solo che mentre Kevin ha a che fare con due ladruncoli di periferia esilaranti, Denzel se la prende con la mafia russa e al posto di una casa, come campo di battaglia finale ha un negozio di utensili e attrezzature per il fai da te.

Assolutamente da vedere se amate i film di Denzel. Volevate la trama? È irrilevante.

Giudizio dell'autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.