Il testimone – La nuova stagione

testimone-mtv-pif-una-poltrona-per-tre

Pif, al secolo Pierfrancesco Diliberto, è tornato con “Il testimone” su Mtv in prima serata al martedì (in replica il giovedì alle 23.00). Dopo il successo, perfettamente meritato, de “La mafia uccide solo d’estate” è iniziata la nuova stagione…ma forse sto correndo troppo: molti potrebbero non conoscere il programma e le sue caratteristiche, che lo rendono tanto interessante quanto divertente.

Se si pensa ai documentari vengono subito in mente Licia Colò, gli Angela, padre e figlio, e i meravigliosi prodotti della BBC, in un angolino poi c’è Pif che ha inventato, ormai 7 anni fa, un nuovo modo di fare le cosiddette docu-interviste: un uomo, con tutto il suo bagaglio di ignoranza (nel senso buono del termine: non conoscere qualcosa e volerla approfondire), e la sua onnipresente telecamerina in mano vanno in giro e confezionano documentari di un’oretta circa. L’approccio insolito e svagato parte dallo sguardo di un ragazzo siciliano cresciutello che si approccia ai mondi più vari, salta di palo in frasca, tocca temi più seri come la lotta alle mafie e la vita sotto scorta di Roberto Saviano per poi passare all’apoteosi della frivolezza con una retrospettiva sulla quotidianità di personaggi come Valeria Marini o Fabri Fibra. Questa sesta stagione per esempio è iniziata con l’intrusione del nostro buffo Pif nel mondo del fashion, durante la settimana della moda a Milano (“Il diavolo veste pile”), e con l’esplorazione della desolata e ghiacciata Groenlandia.

Qualsiasi sia l’argomento scelto devo dire che scoprire le cose insieme a Pif è sempre piacevole, rilassante perché porta avanti le interviste e le riprese proprio come farebbe l’uomo comune, grazie a quella sua curiosità, anche per i particolari più banali, riesce a rimanere costantemente vicinissimo al suo pubblico, che, a parer mio, non si sente mai in difetto, semmai fa gli stessi spontanei commenti però dal suo comodo divano.

Insomma un programma lontano dalle definizioni canoniche, un ibrido che con ironia (soprattutto autoironia), serietà e curiosità porta in luce argomenti che difficilmente si trovano sulle pagine dei giornali più importanti o nei normali servizi televisivi. Una boccata d’aria fresca che Mtv, fortunatamente, non si è lasciata scappare.

Detto ciò non mi rimane che darvi un consiglio appassionato: in primis di essere fedeli e seguire tutta la stagione, e non solo… Infatti, se vi siete persi questa prima puntata, o se, peggio ancora, vi siete persi le scorse stagioni rimediate al più presto: andate sul sito e guardate le stagioni precedenti, meritano davvero il vostro tempo!

Giudizio dell'autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.